Versione tedesca del sito
NEWS DALLA LETTERATURA SCIENTIFICA

Cancro alla prostata: chirurgia vs. watchful waiting

Sabato 15 Dicembre 2018

Il follow-up a lungo termine dei pazienti con carcinoma della prostata, randomizzati a prostatectomia radicale o a sorveglianza attiva (watchful waiting) ha mostrato un vantaggio di sopravvivenza sostanziale e statisticamente significativo per la procedura chirurgica, questo è quanto emerso da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori svedesi pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Dei 695 uomini coinvolti nello studio, 347 sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di prostatectomia radicale e 348 al gruppo di vigile attesa. Il tempo massimo di follow-up potenziale era di 29,3 anni e il follow-up mediano era di 23,6 anni.

A dicembre 2017, l’80% degli uomini arruolati nello studio era morto. L’incidenza cumulativa di morte per tutte le cause a 23 anni è stata del 71,9% nel gruppo con prostatectomia radicale e 83,8% nel gruppo di attesa vigile (IC 95% 5,5-18,4).

Settantuno decessi nel gruppo con prostatectomia radicale e 110 nel gruppo di pazienti con attesa vigile erano dovuti al cancro alla prostata, con una differenza assoluta di rischio di 11,7 punti percentuali (IC 95% 5,2-18,2).

In particolare, tra i partecipanti allo studio numero 4 seguiti fino a 29 anni, i pazienti sottoposti a prostatectomia radicale hanno aggiunto una media di 2,9 anni alla loro aspettativa di vita dopo 23 anni e un rischio relativo di 0,55 (95% IC 0,41-0,74) per la morte del cancro alla prostata nei pazienti sottoposti a prostatectomia rispetto a quelli con sorveglianza attiva.

È evidente dallo studio che uomini altrimenti sani il cui carcinoma prostatico avanzato è limitato alla sola ghiandola prostatica possono trarre grandi benefici dall’intervento. Tuttavia è stato anche rilevato che, nonostante la diagnosi di cancro alla prostata, molti uomini non hanno mai sofferto di una grave ricaduta nel corso della loro vita né sono morti a causa della malattia. Perché il trattamento sia ottimale, è quindi fondamentale trovare il giusto equilibrio tra il beneficio della prostatectomia, da una parte, e i suoi effetti collaterali dall’altra.

Ma uno specialista statunitense del cancro alla prostata, James Mohler (Roswell Park Comprehensive Cancer Center di Buffalo, New York) ha dichiarato che la lunghezza dello studio complica l’interpretazione, dal momento che la diagnosi e il trattamento attuali sono nettamente diversi rispetto a quando è iniziato il processo. Attraverso i livelli di PSA, a molti uomini viene oggi diagnosticato un cancro alla prostata che non svilupperà mai sintomi avanzati o potenzialmente letali. Rispetto agli anni ‘90, un numero decisamente maggiore di uomini con cancro alla prostata dovrebbe quindi essere seguito attivamente e trattato solo se sono presenti segni di cancro avanzato. “Sarebbe molto difficile per un paziente di nuova diagnosi determinare dove si inserisce in questo studio.

Fonte
 

Data di ultimo aggiornamento:11/11/2019  - Tutti i diritti riservati © 2019
Provincia Autonoma di Bolzano - Dipartimento Salute, Banda larga e Cooperative
Ufficio Ordinamento sanitario