Versione tedesca del sito
NEWS DALLA LETTERATURA SCIENTIFICA

Vitamina D e diabete: prevenzione senza prove

Sabato 15 Giugno 2019

Assumere un integratore quotidiano di vitamina D non previene il diabete di tipo 2 negli adulti ad alto rischio. Questo è ciò che emerge dai risultati di uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine e finanziato dall’Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Rene (NIDDK), che fa parte del National Institutes of Health. 

Lo studio sulla vitamina D e sul diabete di tipo 2 (D2d) ha arruolato 2423 adulti ed è stato condotto in 22 siti negli Stati Uniti. Si tratta dello studio più grande realizzato fino ad oggi per esaminare direttamente se l’integrazione giornaliera di vitamina D aiuta ad evitare che le persone ad alto rischio per il diabete di tipo 2 sviluppino la malattia. Lo studio ha incluso adulti di età pari o superiore a 30 anni e assegnato i partecipanti in modo casuale a ricevere 4000 Unità Internazionali (UI) della forma D3 (colecalciferolo) di vitamina D o una pillola placebo al giorno. A tutti i partecipanti allo studio venivano misurati i livelli di vitamina D all’inizio dello studio. In quel momento l’80% dei partecipanti aveva livelli di vitamina D ritenuti sufficienti dagli standard nutrizionali statunitensi.

Lo studio ha esaminato i partecipanti ogni 3-6 mesi per una media di 2,5 anni. I ricercatori hanno poi confrontato il numero di persone in ciascuno dei due gruppi di studio che avevano sviluppato il diabete di tipo 2. Alla fine dello studio, 293 partecipanti su 1211 (24,2%) nel gruppo vitamina D hanno sviluppato diabete rispetto a 323 su 1212 (26,7%) nel gruppo placebo, una differenza che non ha raggiunto la significatività statistica.

“Oltre alle dimensioni dello studio, uno dei suoi principali punti di forza è la diversità dei suoi partecipanti, che ci ha permesso di esaminare l’effetto della vitamina D su una grande varietà di persone”, ha detto l’autore principale Anastassios G. Pittas del Tufts Medical Center, Boston. “Al termine dello studio, non abbiamo rilevato alcuna differenza significativa tra i due gruppi, indipendentemente da età, sesso, razza o etnia”.

Più del 50% degli adulti negli Stati Uniti assume integratori alimentari e l’uso di vitamina D è aumentato notevolmente negli ultimi 20 anni. A causa di queste tendenze, lo studio ha anche valutato la sicurezza di assumere 4000 unità di vitamina D ogni giorno, superiore alla dose giornaliera media raccomandata di 600-800 UI, ma entro i limiti ritenuti appropriati per la ricerca clinica. I ricercatori non hanno riscontrato differenze nel numero e nella frequenza degli effetti collaterali previsti (livelli elevati di calcio nel sangue e calcoli renali).

“Come abbiamo appreso dallo studio, il diabete di tipo 2 non è una conclusione scontata, anche per quelli ad alto rischio per la malattia”, ha sintetizzato il direttore del NIDDK Griffin P. Rodgers.  “Mentre continuiamo a cercare nuovi modi per prevenire la malattia, sappiamo però che il cambiamento dello stile di vita o la metformina farmacologica rimangono metodi efficaci per prevenire il diabete di tipo 2”.

Fonte:
Pittas AG et al. Vitamin D supplementation and prevention of type 2 diabetes. N Engl J Med 2019 Jun 7. doi: 10.1056/NEJMoa1900906. [Epub ahead of print]

 

Data di ultimo aggiornamento:15/07/2019  - Tutti i diritti riservati © 2016
Provincia autonoma di Bolzano - Dipartimento Salute, Sport, Politiche sociali e Lavoro
Ufficio Formazione del personale sanitario