Versione tedesca del sito
NEWS DALLA LETTERATURA SCIENTIFICA

Parto con pre-eclampsia: c’è bisogno di un piano

Domenica 15 Settembre 2019

È molto discusso il periodo ottimale per il parto delle madri con pre-eclampsia alla fine della gravidanza (dopo le 34 settimane ma prima di 37 completate). Questo perché un parto troppo precoce compromette la salute del bambino, mentre un ritardo può mettere in pericolo la salute della madre. Un nuovo studio condotto da ricercatori del King College di Londra mostra che pianificare un parto anticipato riduce in queste gravidanze la possibilità di complicanze dovute alla pressione alta. La ricerca è pubblicata su The Lancet e finanziata dal National Institute for Health Research (NIHR).

La pre-eclampsia è causata da alterazioni della funzione della placenta e dei vasi sanguigni materni. Presenta un alto rischio di complicanze sia per la madre che per il bambino, tra cui ictus, danni al fegato, lesioni ai reni o morte nelle donne, mentre il bambino è a rischio di limitazione della crescita fetale e di morte. Ad oggi, le cure standard consistono in una valutazione iniziale della madre e del feto, con il parto raccomandato al compimento delle 37 settimane, perché i rischi materni e fetali sono minimi a questa età.

Il nuovo studio è stato condotto su 901 madri in 46 centri nel Regno Unito che sono state randomizzate in due gruppi paralleli: un gruppo era gestito in vista di un parto anticipato pianificato, mentre l'altro gruppo ha ricevuto il consueto protocollo di assistenza.

Nel primo gruppo, i corticosteroidi sono stati somministrati immediatamente e la consegna è stata pianificata (anche se non raggiunta in tutti i casi) entro 48 ore dalla diagnosi. Gli steroidi sono stati somministrati per aiutare i polmoni fetali a maturare più velocemente. Il travaglio è stato indotto a meno che non ci fosse indicazione per il taglio cesareo.

Nel gruppo di cure in attesa invece le donne hanno ricevuto la consueta gestione medica da parte degli specialisti, mentre osservavano complicazioni come aumenti incontrollati della pressione sanguigna, anomalie negli esami del fegato o dei reni o altri parametri del sangue, segni di deprivazione di ossigeno fetale o eclampsia (convulsioni). Se si verificava una di queste complicanze, oppure se la donna raggiungeva 37 settimane complete, si arrivava al parto.

Le complicanze materne includevano:

  • pressione sanguigna sistolica registrata di almeno 160 mm;
  • morte;
  • complicanze neurologiche come eclampsia, ictus o attacchi ischemici transitori, cecità corticale (perdita della vista con occhi normali);
  • complicanze cardiache come la necessità di tre farmaci antiipertensivi, insufficienza cardiaca, infarto, angina, necessità di intubazione o edema polmonare (fluido nei polmoni);
  • complicanze legate al sangue come un calo delle piastrine o complicanze emorragiche;
  • disfunzione epatica, rottura del fegato o ematoma epatico;
  • danno renale, insufficienza renale acuta o dialisi;
  • distacco della placenta (separazione della placenta dall'utero prima della nascita).

Le complicanze perinatali invece:

  • decesso entro 7 giorni dal parto;
  • morti perinatali (appena prima o dopo il parto);
  • ammissione alla terapia intensiva neonatale.

Le complicanze materne erano del 14% in meno nel gruppo che aveva pianificato un parto anticipato. Anche i bambini di questo gruppo hanno avuto un miglioramento del 26% nei risultati. Questo gruppo di madri ha partorito circa 5 giorni prima, in media, ma le possibilità di parto vaginale spontaneo erano più alte. Il numero di eventi avversi gravi era simile in entrambi i gruppi.

Riassumendo, lo studio mostra che la pianificazione di un parto precoce nella tarda gravidanza pretermine con ipertensione è associata a una minore incidenza di complicanze materne e fetali, nonché a risparmi sui costi. Mentre più bambini sono stati ammessi alla terapia intensiva neonatale, le complicanze generali correlate al bambino sono rimaste stabili. Cioè, questi bambini non hanno avuto bisogno di più ossigeno o ventilazione, né hanno dovuto rimanere più a lungo in terapia intensiva. Mentre potrebbe essere necessario adeguare i risultati alla scarsità delle risorse in contesti a basso reddito, i benefici di un parto morto potrebbero comunque superare i rischi di prematurità in questa situazione.

Fonte:
Chappell LC et al. Planned early delivery or expectant management for late preterm pre-eclampsia (PHOENIX): a randomised controlled trial. Lancet 2019 Aug 28. pii: S0140-6736(19)31963-4.

 

Data di ultimo aggiornamento:06/12/2019  - Tutti i diritti riservati © 2019
Provincia Autonoma di Bolzano - Dipartimento Salute, Banda larga e Cooperative
Ufficio Ordinamento sanitario