Versione tedesca del sito
NEWS DALLA LETTERATURA SCIENTIFICA

Farmaci anti-ipertensivi: non ogni momento è quello giusto

Venerdì 25 Ottobre 2019

Un importante studio pubblicato sullo European Heart Journal ha dimostrato che l'assunzione di farmaci per il controllo della pressione arteriosa al momento di coricarsi piuttosto che al risveglio dimezza il rischio di eventi come infarto e ictus.

Nello studio multicentrico, controllato e prospettico, 19.084 pazienti ipertesi (10.614 uomini/8470 donne, 60,5±13,7 anni) sono stati assegnati (1:1) a un gruppo che ingeriva l'intera dose giornaliera di ≥1 farmaci per l'ipertensione al momento di coricarsi ( n = 9552) o un gruppo che riceveva le dosi tutte al risveglio ( n = 9532). All'inclusione e ad ogni visita clinica programmata (almeno una volta all'anno) durante il follow-up, il monitoraggio della pressione arteriosa ambulatoriale (ABP) è stato eseguito per 48 ore. Durante il follow-up mediano di 6,3 anni, 1752 partecipanti hanno manifestato l'esito primario cardiovascolare (decesso, infarto del miocardio, rivascolarizzazione coronarica, insufficienza cardiaca o ictus). Dopo aver preso in considerazione fattori come l'età, il sesso, lo stato di fumo, la storia di eventi cardiovascolari e la tipica riduzione della pressione sanguigna durante il sonno, il team ha scoperto che i pazienti che assumevano i farmaci prima di coricarsi avevano un rischio inferiore del 56% di morte per malattie cardiovascolari, un 49% di rischio di ictus in meno e 44% di rischio di infarto in meno rispetto all'altro gruppo.

Mentre l'impatto sulla pressione sanguigna durante il giorno era simile, quelli che assumevano i loro farmaci prima andare a letto avevano una piccola ma significativamente maggiore riduzione della pressione sanguigna durante il sonno rispetto a quelli che assumevano farmaci al risveglio, nonché una maggiore differenza nella pressione sanguigna durante il sonno rispetto alla veglia.

Gli esperti ritengono che i risultati potrebbero potenzialmente trasformare il modo in cui vengono prescritti i farmaci antipertensivi, ma le domande restano: su tutte il motivo per cui l'assunzione di farmaci durante la notte ha un effetto così profondo. L’ipotesi del prof. Ramón Hermida dell'Università di Vigo in Spagna, primo autore dello studio, è che dipenda dall'orologio interno del corpo: in altre parole i processi e le sostanze chimiche presenti all'interno dei nostri corpi variano in un periodo di 24 ore. Il risultato, ha spiegato, è che lo stesso farmaco potrebbe avere effetti molto diversi se preso in momenti diversi, qualcosa che è stato etichettato come "cronoterapia". "Lo stesso farmaco antiipertensivo, la stessa molecola, alla stessa dose, ingerito in due tempi diversi ha una farmacocinetica e una farmacodinamica totalmente diverse e pertanto è come se ci fossero due farmaci totalmente diversi".

Ricerche precedenti hanno dimostrato che la pressione alta durante il sonno, e solo piccole differenze tra la pressione sanguigna durante il giorno e la notte, sono entrambi importanti fattori di rischio per problemi cardiovascolari.

Il prof. Stephen MacMahon, direttore principale del George Institute for Global Health dell'Università di Oxford, che non era coinvolto nello studio, ha sottolineato che un effetto così profondo sugli eventi cardiovascolari è stato sorprendente date le modeste differenze nella pressione sanguigna. In effetti, il team ha scoperto che coloro che hanno assunto il farmaco prima di coricarsi hanno anche mostrato una migliore funzionalità renale e misure del colesterolo, entrambi fattori importanti quando si tratta di malattie cardiovascolari.

Fonte
Hermida RC et al. Bedtime hypertension treatment improves cardiovascular risk reduction: the Hygia Chronotherapy Trial.European Heart Journal, ehz754, https://doi.org/10.1093/eurheartj/ehz754

 

Data di ultimo aggiornamento:11/11/2019  - Tutti i diritti riservati © 2019
Provincia Autonoma di Bolzano - Dipartimento Salute, Banda larga e Cooperative
Ufficio Ordinamento sanitario