Versione tedesca del sito
NEWS DALLA LETTERATURA SCIENTIFICA

International Journal of Clinical Practice: I prodigi della statistica

Giovedì 24 Giugno 2010

La migliore strategia per gestire informazioni relative a opzioni diagnostiche e terapeutiche è essere consapevoli delle eventuali distorsioni contenute nei disegni degli studi e nella presentazione dei dati. Non serve la specializzazione in statistica, bisogna solo esercitare un pochettino di scetticismo e di curiosità su quanto si legge.

Lo dichiara Leslie Citrome (New York Univesity School of Medicine), nel suo commento a una serie di articoli sull’uso, e abuso, della statistica.
Di particolare interesse il contributo sul marketing farmaceutico, che fornisce alcune utili indicazioni su come le aziende utilizzino la statistica per presentare i loro prodotti nella migliore luce possibile.

Ecco alcune domande che è bene porsi:
- I risultati sono presentati in termini di riduzione assoluta del rischio o, ancora meglio, di number needed to treat?
- Gli intervalli di confidenza sono utilizzati in modo appropriato?
- La letteratura citata viene da una grande rivista, oppure proviene da simposi o supplementi di riviste?
- I grafici presentano i dati correttamente?
- A sostegno delle dichiarazioni ci sono numeri o, invece, affermazioni vaghe e/o con connotazioni emotive?

Pochi semplici accorgimenti, che possono aiutare a valutare criticamente il materiale informativo sottoposto alla nostra attenzione.

Fonti:
Citrome L. Nine out of ten doctors prefer Camels! Three brief essays regarding how we use and abuse statistics. Int J Clin Pract 2010; 64: 997-998.
Lexchin J. Statistics in drug advertising: what they reveal is suggestive what they hide is vital. Int J Clin Pract 2010; 64: 1015-8. 
Ghaemi NS. Death by confounding: bias and mortality. Int J Clin Pract 2010; 64: 1009-14. 
Williamson DF. The population attributable fraction and confounding: Buyer Beware. Int J Clin Pract 2010; 64: 1019-23.

 

Data di ultimo aggiornamento:11/12/2019  - Tutti i diritti riservati © 2019
Provincia Autonoma di Bolzano - Dipartimento Salute, Banda larga e Cooperative
Ufficio Ordinamento sanitario