Versione tedesca del sito
NEWS DALLA LETTERATURA SCIENTIFICA

Attività fisica: una medicina da prescrivere

Giovedì 20 Agosto 2009

Il direttore del British Journal of Sports Medicine apre il fascicolo estivo della rivista con una rapida rassegna dei principali articoli pubblicati nel primo semestre, e dà grande rilievo a quelli dedicati ai benefici dell'attività fisica.

Un argomento estesamente trattato nei primi due fascicoli dell’anno, dove si definisce l’inattività il principale problema di salute pubblica del ventunesimo secolo e si dichiara che "l’esercizio fisico è una medicina e come tale va prescritta... anche se non si presenta come una pillola." Una "medicina" da prescrivere anche a chi non è più giovanissimo, lo dimostra un articolo del numero di luglio: chi fa attività fisica per almeno dieci anni dopo i cinquant’anni di età ha un rischio di morte non superiore a quello di chi fa esercizio da molti più anni (anche se questo non è un buon motivo per aspettare tanto a muoversi!).

Per promuovere l’attività fisica l’American College of Sports Medicine’s ha inaugurato il sito "Exercise is medicine", con sezioni specifiche per operatori e operatrici sanitari e per la comunità.

In Italia segnaliamo:
- la Commissione Sport-Salute, istituita presso l’Ufficio di Gabinetto del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali il 24 dicembre 2008: ha l’obiettivo di promuovere la prescrizione dell’attività fisica.
- Guadagnare salute: a sostegno del programma Guadagnare salute, il Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie ha attivato una serie di progetti per la promozione dell’attività fisica e la prevenzione dell’obesità.

Fonti:
Khan KM. Mid-year review: physical inactivity universally accepted as the biggest public health problem of the 21st century, shoulder exam challenges, and progress against the scourges of anterior knee pain and ACL injuries. Br J Sports Med 2009;43:469-470; doi:10.1136/bjsm.2009.062794

 

Data di ultimo aggiornamento:11/11/2019  - Tutti i diritti riservati © 2019
Provincia Autonoma di Bolzano - Dipartimento Salute, Banda larga e Cooperative
Ufficio Ordinamento sanitario