Versione tedesca del sito
NEWS DALLA LETTERATURA SCIENTIFICA

Eventi avversi in ospedale nella popolazione anziana

Venerdì 11 Gennaio 2013

Quali sono le differenze relative a dimensioni, natura e prevenibilità di eventi avversi in pazienti ospedalizzati di età superiore ai 65 anni, in confronto a pazienti più giovani?
Quali sono le cause che contribuiscono al verificarsi di eventi avversi nelle persone anziane? Ci sono diversità rispetto alla popolazione più giovane?
Per rispondere a tali quesiti un gruppo di ricercatrici olandesi ha analizzato quasi ottomila cartelle cliniche provenienti da 21 ospedali. Dallo studio delle cartelle cliniche è emersa una percentuale del 5,7% di eventi avversi: tra questi il 40%  è stato giudicato prevenibile e il 12,8% ha causato disabilità permanente o morte.
Tenendo presente il fattore età:
- Gli eventi avversi si verificano più frequentemente in pazienti ospedalizzati di età superiore ai 65 anni.
- Nella popolazione anziana gli eventi avversi sono più spesso collegati con i trattamenti farmacologici e le conseguenze gravi sono più frequenti.
- Nella popolazione anziana la causa di un evento avverso è più frequentemente collegata all’incapacità di applicare le conoscenze esistenti a un problema medico nuovo e complesso.

Per ridurre gli aventi avversi in una popolazione ospedaliera sempre più anziana è necessaria, concludono le autrici, una formazione specifica in geriatria per lo staff ospedaliero, con una particolare attenzione ai trattamenti farmacologici.

Fonte:
Merten H, Zegers M, de Bruijne MC, Wagner C.  Scale, nature, preventability and causes of adverse events in hospitalised older patients . Age and Ageing 2013; 42: 87–93.

 

 

Data di ultimo aggiornamento:11/11/2019  - Tutti i diritti riservati © 2019
Provincia Autonoma di Bolzano - Dipartimento Salute, Banda larga e Cooperative
Ufficio Ordinamento sanitario