|
Versione tedesca del sito
Multimedia

Video

Scelte saggiamente interessate
Get Flash to see this player.

Gordon Guyatt, Mc Master University, Department of Clinical Epidemiology & Biostatistics

Come mettere i policy maker nelle condizioni di prendere decisioni basate sulle evidenze?

Vale la pena identificare quali sono gli ostacoli a una assunzione di decisioni basate sulle evidenze da parte dei policy makers. Ci sono almeno due cose: una è l’opinione pubblica, fare in modo di soddisfare l’opinione pubblica, e l’altra sono gli interessi costituiti che sono molto potenti. Un paio di cose: una dovrebbe essere un impegno in una politica sanitaria basata sulle evidenze. In molti contesti di policy, se chiedi alle persone, rispondono che non prendono per niente in considerazione questo aspetto. Ci vorrebbe un impegno ufficiale in una policy basata sulle evidenze. E poi penso che sia molto importante l’educazione delle cittadine e dei cittadini. Una parte del nostro progetto (GRADE, n.d.r.) comporta fare interviste con cittadine e cittadini, avere informazioni sulle linee guida dal pubblico. La popolazione non è ancora sufficientemente educata sulle evidenze e sull’esigenza di prendere decisioni sulla base delle evidenze. Le cose si stanno evolvendo, sta migliorando l’educazione della popolazione, i policy maker così devono rispondere alle pressioni delle/degli utenti, alla loro esigenza di avere politiche sanitarie basate sulle evidenze. E poi c’è bisogno di proteggersi dall’influenza degli interessi costituiti. E c’è bisogno di persone del mondo dell’informazione che siano pronte a fare giornalismo investigativo per vedere cosa è che influenza le decisioni. Perché ho un forte sospetto che gli interessi costituiti influenzino molto le decisioni. Se tutto fosse più trasparente le persone ne sarebbero molto felici.

Che cosa pensa dell’iniziativa “Choosing wisely” per incoraggiare la scelta di prestazioni sanitarie giuste e senza sprechi?

Penso che sia un’ottima idea. È un approccio prettamente basato sulle evidenze: quali sono le 5 cose, in questa area che facciamo e che, come suggeriscono le evidenze, proprio non dovremmo fare. Mette in risalto il fatto che le evidenze vengono ignorate, e che si fanno determinate cose per una cattiva ragione, quindi, in quanto un approccio squisitamente basato sulle evidenze, mi sembra proprio una buona idea.
 
Medical reversal
Intervista a Vinay Prasad
Ictus: esistono differenze di genere?
Intervista a Valeria Caso
Malattie neurodegenerative e genere
Intervista a Carlo Gabelli
Choosing Wisely: l’esperienza canadese
Intervista a Wendy Levinson
Come è nata Choosing Wisely
Intervista a Daniel Wolfson
Choosing Wisely. L’esperienza olandese
Intervista a Wilco C. Peul
Linee guida sulle mutilazioni genitali femminili
Intervista a Caterina Di Mauro
Convegno BMV 2013: Il progetto DECIDE
Intervista a Marina Davoli
Perché un corso online sul circolo di Deming?
Rispondono Maria Carla Joris e Johanna Frischmann
Decidere con DECIDE
Intervista a Andy Oxman
DECIDE in pratica...
Intervista a Nicola Magrini
Scelte saggiamente interessate
Intervista a Gordon Guyatt
Alleati per migliorare l’efficacia delle cure
Intervista a Elisabetta Patorno
Scelte condivise in Sanità
Intervista a Paola Mosconi
Per una ricerca patient-oriented
Intervista a Katherine Cowan
Il cuore delle donne
Intervista a Nunzia Rosa Petix

Data di ultimo aggiornamento:24/06/2019  - Tutti i diritti riservati © 2016
Provincia autonoma di Bolzano - Dipartimento Salute, Sport, Politiche sociali e Lavoro
Ufficio Formazione del personale sanitario