Il covid oltre i polmoni

È stata pubblicata su Nature Medicine la prima ampia revisione degli effetti del Covid-19 su tutti gli organi colpiti oltre ai polmoni.

“I medici devono considerare il Covid-19 come una malattia multisistemica”, spiega Aakriti Gupta, uno degli autori. “Si parla molto della coagulazione, ma è anche importante capire che una parte sostanziale di questi pazienti soffre di danni ai reni, al cuore e al cervello e che i medici devono trattare queste condizioni insieme alla malattia respiratoria”.

“Nelle prime settimane della pandemia, abbiamo assistito a molte complicazioni trombotiche, più di quanto ci saremmo aspettati dall’esperienza con altre malattie virali”, continua Kartik Sehgal, “e possono avere profonde conseguenze sul paziente”.

Gli scienziati pensano che queste complicanze di tipo coagulativo possano derivare dall’attacco del virus alle cellule che rivestono i vasi sanguigni. Quando il virus attacca le cellule dei vasi, l’infiammazione aumenta e il sangue inizia a formare coaguli, grandi e piccoli. Questi coaguli di sangue possono viaggiare in tutto il corpo e provocare caos negli organi, perpetuando un circolo vizioso di infiammazione.

Cuore
I coaguli possono causare problemi al cuore, ma il virus attacca il cuore in altri modi, sostengono gli autori. “Il meccanismo del danno cardiaco non è attualmente chiaro, perché il virus non è stato frequentemente isolato dal tessuto cardiaco in caso di autopsia”.

Il muscolo cardiaco può essere danneggiato dall’infiammazione sistemica e dall’associato rilascio di citochine, un’inondazione di cellule immunitarie che normalmente cancella le cellule infette ma che può sfuggire al controllo nei casi gravi di Covid-19.

Nonostante l’entità del danno cardiaco, i medici non sono stati in grado di utilizzare le strategie diagnostiche e terapeutiche, tra cui biopsie cardiache e cateterizzazioni, che avrebbero normalmente usato durante le prime fasi della pandemia per la necessità di proteggere il personale e i pazienti dalla trasmissione virale. La situazione è cambiata quando la prevalenza della malattia è diminuita nella città di New York.

Insufficienza renale
Un’altra scoperta sorprendente è stata l’elevata percentuale di pazienti COVID-19 in terapia intensiva con danno renale acuto.

Il recettore ACE2 utilizzato dal virus per ottenere l’ingresso nelle cellule si trova in alte concentrazioni nel rene e potrebbe probabilmente essere responsabile del danno renale. Gli studi in Cina hanno riportato complicanze renali, ma a New York City i medici hanno riscontrato insufficienza renale fino al 50% dei pazienti in terapia intensiva. “Circa il 5-10% dei pazienti aveva bisogno di dialisi. È un numero molto elevato”, è il commento di Gupta.

I dati relativi al danno renale a lungo termine sono attualmente carenti, ma probabilmente una percentuale significativa di pazienti richiederà dialisi permanente.

Effetti neurologici
Sintomi neurologici, tra cui mal di testa, vertigini, affaticamento e perdita dell’olfatto, possono verificarsi in circa un terzo dei pazienti. È più preoccupante il fatto che gli ictus causati da coaguli di sangue si verificano fino al 6% dei casi gravi e il delirio dall’8% al 9%.

“I pazienti COVID-19 possono essere intubati per 2-3 settimane; un quarto richiede ventilatori per 30 o più giorni”, prosegue Gupta, “Queste sono intubazioni molto prolungate e i pazienti hanno bisogno di molta sedazione.” Il delirio in terapia intensiva “era una condizione ben nota prima di COVID e le allucinazioni possono essere più un effetto della sedazione prolungata che del virus vero e proprio”

“Questo virus è insolito ed è difficile non fare un passo indietro e non rimanere colpiti da quante manifestazioni ha sul corpo umano”, è la laconica conclusione degli autori della revisione.

Fonte

Gupta A. Extrapulmonary manifestations of COVID-19. Nat Med 2020;26(7):1017-1032.